Shopping is the best medicine

DSC01479 “Shopping is the best medicine” recita un motto.

Ed è così: depressione, ansia, pene d’amore, incertezze? Dai in mano a una donna una carta di credito illimitata, e lei tornerà a casa felice. L’euforia attivata nel cervello dallo shopping purtroppo deve fare i conti con il portafoglio, così ci si ritrova a fare shopping virtuale, o immaginario che dir si voglia.

Ieri pomeriggio, per concedermi una piccola anticipazione di euforia, me ne sono andata in giro per negozi: ho guardato le vetrine, provato abiti, fatto qualche fotografia molto nature. Ho fatto shopping visivo e immaginario. Prato è una piccola città e ovviamente offre molto meno rispetto a Firenze in termini di shopping, ma ci sono alcuni negozi molto particolari e degni di nota da cui vale la pena passare.

Uno di questi è Aesthetic, boutique molto glamourous, che ha anche un suo piccolo outlet con marchi e prezzi più abbordabili.

In questo outlet, che si chiama Viale della Repubblica, dulcis in fundo mi sono innamorata di un abito; anzi di due, ma dovendo scegliere, mi porterei a casa quello verde acido. Voi che dite? Per ora non mi son portata  a casa niente, se non due cataloghi e la voglia matta di rinnovare l’armadio con i bellissimi capi e colori che vedete.

Non dimenticate di votarmi per Grazia.it, potete rivotare qui ogni giorno: http://blogger.grazia.it/blogger?id=1277&thx=1

DSC01488

Caldi colori della terra e oro: quest’anno voglio almeno un capo gold!

DSC01491

Il tubino animalier: sempre desiderato ma mai avuto. Questo, di SoAllure, lo trovo originale perché è  in tessuto felpato, morbido e dalle tonalità sobrie.

DSC01495

Sarà per il colore, sarà per il taglio asimmetrico, sarà per la gonna plissé, sarà che non ho nulla del genere nell’armadio: amo alla follia questo vestito! E’ di Anonyme, brand spagnolo emergente davvero interessante.

DSC01490

Il yellow touch per fortuna rimarrà anche in inverno, per darci una bagno di sole e di energia.

New in: gold, coral and royal blue

Gli accessori, come per molte donne, sono il mio debole: specialmente se si parla di borse e bijoux. Sono strapiena di bracciali ma non mi bastano mai, ecco perché ho ceduto al fascino dei bracciali della linea Scacciapensieri di Viridì, il brand della mia amica blogger Virginia Varinelli.

Una tipologia di bracciale molto particolare: realizzato  in poliuretano espanso, materiale resistente e insolito, con charms in cristalli di rocca e finiture in argento, si può anche usare come collana. Io l’ho scelto in oro e sabbia, ma la scelta è veramente difficile tra una grande varietà di colori. L’unica controindicazione di questo  bracciale è che una volta provato, dà dipendenza,  e ne vorresti altri cinquanta! In foto lo vedete usato anche come collana, una graziosa alternativa.

DSC01471

DSC01472

DSC01478

Sono sufficientemente dotata di borse, ma ancora non avevo ceduto al fascino bon ton e molto british della tracollina: ci ha pensato questa color corallo di Rossella Carraro, acquistata in saldo, a farmi cambiare idea.

Scarpe: l’ossessione di ogni donna. Se proprio dovessi scegliere tra borse  e scarpe, opterei per le prime. Ciò non toglie che adoro le scarpe e quando ho visto questo paio di pumps blu royal in pelle lucida, uno dei miei colori preferiti, le ho prese con piacere nonostante l’idea iniziale fosse di trovare scarpe giallo canarino.

Vi ricordate il post sulle scarpe? Alla fine, tra le fucsia bicolore e le blu, ho scelto queste: eleganti, grintose e versatili in ogni stagione.

Che ne pensate?

DSC01467

DSC01468

Bracelet: Viridì

Bag: Rossella Carraro

Shoes: Julie Dee

La mia droga si chiama… Parfum

DSC_0102

“Poiché gli uomini potevano chiudere gli occhi davanti alla grandezza, davanti all’orrore, davanti alla bellezza, e turarsi le orecchie davanti a melodie o a parole seducenti. Ma non potevano sottrarsi al profumo.”

Patrick Suskind

Profumeria artistica, profumeria di nicchia, prodotti di bellezza a base di ingredienti naturali e di pregiati olii essenziali.

Un mondo affascinante e in via di espansione, ma a molti purtroppo ancora sconosciuto.

Oggi voglio introdurvi in questo mondo particolare per il quale nutro una passione sconfinata: comincerò dal profumo.

Sono sempre stata un’assidua frequentatrice di profumerie, ma da quando ho scoperto la “diversa via” del profumo di alta profumeria, o “di nicchia”, per intendersi, ho abbandonato senza rimpianti i prodotti più commerciali e omologati al gusto della massa.

Che cos’è il profumo? E’ un’emozione a  fior di pelle.

La profumeria artistica è la piena e meravigliosa espressione di questo pensiero.

Proprio perché l’emozione è soggettiva e irripetibile, un profumo di questo genere non sarà mai identico su persone diverse, perché è costruito utilizzando pregiate materie prime naturali, e non composti chimici che restano sempre immutati.

Nell’olimpo della profumeria artistica c’è Miller Harris, un brand inglese artefice di profumi raffinati strettamente legati agli odori della natura e della terra.

Jasmin vert: un nome che è già una carezza sulla pelle, un fremito d’ali, un nome che suggerisce freschezza, delicatezza e sensualità.

DSC01446

E non poteva esserci nome più appropriato per riassumere l’anima di questo profumo rugiadoso, tenero ma avvolgente, che parte in freschezza con note agrumate per poi lasciare sulla pelle un sensuale e caldo sentore di fiori e legno di sandalo.

Non il solito profumo fiorito, non un profumo verde, non un gelsomino prepotente e stucchevole, ma un’originale  e raffinatissimo ensemble di note fiorite, agrumate e legnose. Sogno di una notte di mezza estate… sdraiata su un tappeto di fiori bianchi delicati e carnali…

Jasmin vert fa parte di una collezione speciale e in produzione limitata di Miller Harris.

Per scoprire e assaporare i loro profumi basta seguire la scia delle emozioni, e lasciarsi trasportare dolcemente…

DSC01447

DSC_0101

Fashion inspiration n. 9: bon ton girls

Fashion inspiration n. 9: il fascino discreto del bon ton.

Uno stile evergreen, che non mi appartiene in toto  e non mi esalta, ma che amo vedere interpretato in chiave glamour. Il look da signora perbene stanca e rischia di risultare piatto se indossato in chiave classica e coordinando, mentre invece bastano pochi accessori per togliergli quella patina di formalità e rigidità. Ho scelto tre look, ma non solo, tre blogger divenute delle fashion icons a livello internazionale.

Aspetto con curiosità i vostri commenti, buon sabato a tutti!

Midtown

NF8C7420

Nicole Warne – Gary Pepper

Ho già parlato di lei altre volte: regina dello stile vintage e amante del bon ton, bellezza asiatica, qualsiasi cosa indossi la indossa con gran classe.

In questo oufit semplice  e lineare dai delicati toni pastello, il tocco eccentrico è dato dalle scarpe damier. Come osare con stile.

3U5A8675 copy copia

3U5A8779 copy copia

Chiara Ferragni – The Blonde Salad

Impossibile non conoscerla: la fashion blogger italiana più conosciuta qui e all’estero.

Amata o odiata, oggetto di esaltata adorazione oppure di invidia e demolizione, tutto si può dire di lei, ma non che non sia una fashion icon.

Al di là delle polemiche sul suo successo, io vedo in lei tre qualità oggettive: è bella, seduce l’obiettivo, e il buon gusto non le manca.

Mixa casual e chic, eleganza e semplicità con grazia. Come in questo caso.

Ho adorato a prima vista questo outfit: semplice e chic, bon ton reso grintoso da cappello e tronchetti.

Birthday Colors-12

Birthday Colors-20

Wendy Nguyen – Wendy’s Lookbook

Mix e match di colori caldi e freddi: bordeaux, giallo e blu royal. Ovvero tre dei colori più hot di questo autunno-inverno. La femminilità romantica e classica della gonna  a ruota è smorzata dal tocco casual  del giacchino in pelle, molto bello e audace l’abbinamento di colori. Brioso bon ton.

Before the sunset

DSC_0114

Il tramonto: l’ora del giorno che preferisco.

Possono accadere molte cose prima di un tramonto… Il sole è una palla di fuoco all’orizzonte, un campo di granturco, se visto da vicino, assomiglia ad una giungla fitta e lussureggiante, quasi inquietante, in cui inoltrarsi come in un labirinto sempre uguale.

Il silenzio è rotto solo dal ticchettio dei miei tacchi mentre cammino per strada inguainata nel mio abito preferito, alla ricerca del migliore sfondo per il mio green look, i pensieri fluiscono liberamente tra malinconia e vitalità, ricordi e progetti per il domani.

Possono accadere molte cose prima di un tramonto… come spogliarsi nuda in mezzo all’erba e alle zanzare e restare immobile, in posa, per realizzare lo scatto perfetto.

Ma queste foto artistiche non ve le mostrerò, le tengo per me!

Non dimenticate di votarmi per il contest di Grazia, se vi piace il mio blog e volete darmi una mano: http://blogger.grazia.it/blogger?id=1277&thx=1

DSC_0162

DSC_0163

DSC_0101

DSC_0032

DSC_0080

DSC_0103

DSC_0044

DSC_0112

DSC_0120

DSC_0039

DSC_0124

DSC_0061

Photos by Angela Pavese

Dress: Annarita N

Pochette: La Fille des Fleurs

Bracelet: Sodini

Shoes: Cinti

All I need is… shoes

DSC_0096

“E’ così difficile stare nelle scarpe di una donna sola. Per questo ne servono di veramente speciali, per camminare un po’ più allegramente”.

Carrie Bradshaw, Sex and the City

Le scarpe: un feticcio per molte donne, un accessorio necessario per altre, un oggetto del desiderio praticamente per tutte. Perché anche la più spartana e mascolina delle donne di fronte a un paio di scarpe col tacco non riesce a restare indifferente, e una luce inconfondibile le si accende negli occhi.

Mattinata di shopping insieme alla mia” scattatrice di pose” Angela Pavese per le vie di Vignola, graziosa cittadina nei pressi di Modena: avevo il chiodo fisso di un paio di pumps gialle, ma non riesco a trovarle. Così ripiego, si fa per dire, su altri due colori che adoro: il blu royal e il fucsia. Ed eccomi alle prese col dilemma amletico: blu o fucsia?

E voi, quale delle due avreste scelto?

DSC_0094

DSC_0097

DSC_0084

DSC_0088

Photos by Angela Pavese

Shoes: Julie Vee

Denim shorts: Denny Rose

Top: Twin-set

Bag: Pulicati

Collar: Marina Fossati

Bracelet: no brand

Ring: Pietro Ferrante

Bad girls

DSC_0030

La moda è come un palcoscenico su cui si possono interpretare svariati ruoli a seconda del momento, dell’umore, e dell’occasione d’uso.

Ci si può trasformare in qualunque personaggio, dalla donna bon ton, alla femme fatale, all’eterea romantica, alla bad girl, scegliendo non solo l’abbigliamento adatto, ma soprattutto gli accessori, che possono avere un ruolo decisivo in un outfit.

Io in questi scatti mi sono trasformata in una  sorta di pin up moderna e audace: i denim shorts a vita alta, il top color cipria e il cappellino rimandano a uno stile retrò, ma bastano pochi accessori aggressivi a dare un tocco insolito. Maxi borsa pitonata e dettagli che rimandano al bondage: l’appariscente collare nero e oro, i sandali alla schiava.

E con questo look fuori dai miei schemi me ne sono andata a fare shopping per le vie di Vignola, ma di questo vi parlerò nella prossima puntata!

Non dimenticate di votarmi per questo contest cui tengo molto:

per votare basta seguire il link e cliccare sul cuoricino rosso, potete votare nuovamente tutti i giorni.

http://blogger.grazia.it/blogger?id=1277&thx=1

DSC_0010

DSC_0022

DSC_0042

DSC_0050

DSC_0068

DSC_0078

DSC_0076

DSC_0007

Photos by Angela Pavese

Top: Twin -set

Shorts: Denny Rose

Hat: Sermoneta

Sunglasses: Ray-ban

Collar: Marina Fossati

Bag: Pulicati

Shoes: Gaja Bardelli